Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Le sfide di Roma Città Metropolitana e la riforma del Regionalismo

Venerdì 4 Dicembre

ore 18.00

Le sfide di Roma Città Metropolitana e la riforma del Regionalismo

A quasi un anno dall’entrata in vigore dello Statuto di Roma Città Metropolitana, non molti sanno effettivamente in cosa consista e quali siano i poteri e le potenzialità di questa area vasta che comprende 121 comuni per una popolazione di quasi 4.400.000 abitanti.

Attraverso un’analisi dello Statuto cercheremo di focalizzare l’attenzione sulle sfide che attendono la Città Metropolitana, in particolare con riguardo al settore dello sviluppo economico e dei poteri spettanti alle cosiddette “zone omogenee”.
Vedremo più da vicino il rapporto tra Municipi e Città Metropolitana, ma soprattutto cercheremo di comprendere come la riforma del regionalismo, meglio nota come “proposta di legge sulla riduzione delle regioni da 20 a 12″, inciderá sul nuovo Ente.
Se ne parlerà con:

On Roberto Morassut (Deputato PD e firmatario del DDL Morassut-Ranucci su riduzione regioni)
Maurizio Veloccia (Presidente Municipio Roma XI)
Maurizio Apicella (Dirigente Capitale Lavoro Roma Città Metropolitana)

Introduce: Alberto Andreoni

Modera: Valeria Fiorentini (Assemblea Regionale Pd Lazio)

One Response to Le sfide di Roma Città Metropolitana e la riforma del Regionalismo

  1. Mattia Goltri Rispondi

    6 gennaio 2016 a 18:47

    A quando una revisione del trasporto pubblico? Una Capitale come Roma ha oggi un sistema di trasporto e collegameti imbarzzante, basta girare l’Italia, nemmeno l’Europa, per trovare sistemi di trasporto locale più efficaci!

Rispondi a Mattia Goltri Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>