UNIAT APS ? CASA, AMBIENTE, TERRITORIO

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Per una mobilità (e urbanistica) romana sostenibile

untitled

Le proposte per la discussione che riportiamo di seguito è un contributo per cercare di migliorare la
mobilità di Roma e della relativa area metropolitana. Non vuole essere esaustiva su tutti gli aspetti
concernenti un ottimale assetto della mobilità e si concentra in particolare sulla valorizzazione del
patrimonio esistente della rete ferroviaria che innerva buona parte del territorio metropolitano con
importanti diramazioni anche a livello regionale e che deve diventare una volta per tutte la base di
una vera mobilità sostenibile come ci insegnano le principali città internazionali. L’uso ottimale di
questa rete esistente consentirebbe infatti in relativamente poco tempo, e insieme a gli altri
interventi comunque indispensabili (in primis completamento della rete delle metropolitane e dei
tram, parcheggi di interscambio, viabilità di quartiere, una governance unitaria) di consentire
finalmente di dotare l’intera area urbanizzata di un sistema di trasporti sostenibile nella qualità e
nella quantità (tempi certi, numero passeggeri elevato, impatto ambientale minimo, diminuzione
del parco auto circolante) anche per le conseguenze derivanti dal potenziamento dei punti di
interscambio nel territorio periferico. Ad alcuni potrebbero sembrare “scontate” o “vecchie”.
Purtroppo non è così e ci teniamo a sottolinearlo in quanto purtroppo la loro “vecchiaia” è a nostro
avviso solo dovuta ai ritardi accumulati e alle carenze notevoli di una classe dirigente comunale e
regionale che non ha saputo attuare progetti ben chiari e noti da oltre 25 anni, realtà concrete e
tangibili nelle principali città europee da decenni. Peraltro in questo contesto nel quale ragioniamo e
proponiamo progetti per Roma, non possiamo certo proporre interventi esecutivi, ma si politiche e
progetti fattibili e realizzabili, ovvero sogni perseguibili con determinazione, capacità e competenze
adeguate. E’ un contributo non certo esaustivo, aperto al confronto e pronto a integrarsi con nuove
proposte che lo integrino e migliorino, che riteniamo di base per affrontare e risolvere il tema della
mobilità a Roma (e anche qualche aspetto non di poco conto dell’assetto urbano).
Un’attenzione particolare agli interventi fattibili nell’ambito del Recovery Plan, ovvero completabili
entro il 2025, anno peraltro in cui decade il Giubileo.
1. Alcune premesse di fondo
Affrontare il tema della mobilità a Roma e per Roma presenta tassi di rischio molto alti. Così come
del resto parlare di urbanistica. Troppo spesso nei decenni passati entrambi i temi, peraltro
altamente critici per Roma, hanno avuto visioni più ideologiche che non di policies tecnico-politiche,
trovando o fautori di interventi da “città perfetta” o fautori (e difensori) di un laissez faire che
trovava alleati forse anche inconsapevoli i cosidetti “palazzinari” con i gestori dei trasporti pubblici
e forse talvolta anche con le organizzazioni sindacali di categoria. Ora, finito il tempo delle ideologie,
anche tecniche, il tema per Roma diventa vitale se si vuole cercare di darle un assetto urbano e della
mobilità sostenibile e adeguato a una città europea del XXI secolo (1).
Pertanto potrebbero porsi alcuni aspetti dirimenti come base di analisi e di proposta ora in
prossimità di un nuovo ciclo di gestione politico-amministrativa della città con le prossime elezioni
della primavera del 2021. La premessa di fondo è quella di voler e dover realizzare una citt
sostenibile secondo i principi dell’Agenda 2030 dell’ONU e secondo il Green New Deal dell’Unione
Europea. Quindi, per venire subito al nocciolo della questione, mobilità sostenibile e a indirizzo e
pianificazione (nonché monitoraggio e controllo) pubblica. La conseguenza immediata di un assioma
del genere è che il livello di scelta e decisione dovrebbe essere solo riguardante le tipologie di
interventi e le tempistiche, ma non gli obiettivi strategici.
Altra questione è l’interazione tra mobilità e urbanistica. Un tema ancora troppe volte gestito in sedi
specialistiche separate quando la sua evidenza di essere un solo tema suddivisibile, ma non
separabile è provata sulla stessa pelle (terra) di Roma troppo spesso sconvolta da interventi edilizi
“fuori luogo” (la famosa e famigerata “macchia d’olio”) e ancora peggio da interventi infrastrutturali
monchi o peggio cechi (le stazioni di Vigna Clara, Farneto, il Terminal Ostiense e il “mitico” anello
ferroviario per esempio). Orbene deve essere chiaro e condiviso che la tematica è unica, l’assetto
territoriale e urbano della città, che ha due derivate corrispondenti al tema edilizio in senso lato e
alla mobilità delle persone e delle merci (ma oggi e per domani sempre più anche dei dati).
Purtroppo da una teoria corretta e sotto certi aspetti scontata a Roma non si è mai riusciti
concretamente a passare a una prassi integrata e questo è certamente una criticità da sanare
quanto prima. Lo stesso ex Vice sindaco e assessore alla mobilità Walter Tocci ha più volte
denunciato come una criticità fondamentale il contrasto tra i due assessorati per programmare
adeguatamente l’assetto della città.
Altra questione è quella della condivisione, delle competenze e dei ruoli. Programmare, realizzare e
gestire la mobilità di Roma, deve necessariamente considerare l’insieme (si potrebbe definire
sistemico) di tutti gli attori in gioco in quanto gestori di servizi pubblici di trasporto. Questo deve
significare pertanto che Comune (e le sue società), Area metropolitana, Regione (e le relative
società) e gruppo F.S. devono necessariamente programmare i propri interventi con modalit
condivisa, ovvero concordare le modalità di azione ex ante per consentire una programmazione
integrata sia intermodale sia gestionale. E’ inammissibile che in una città come Roma il PUMS prenda
in seria e fondamentale considerazione la rete potenziale delle linee esercitabili sulle infrastrutture
di RFI (2) con il relativo impatto positivo di avere 9 nuove linee con frequenza fino a 3 minuti (quindi
nella realtà 9 nuove linee metropolitane già quasi pronte e con costi nettamente inferiori), ma non
prenda in considerazione e non preveda accordi con F.S. per la loro attuazione infrastrutturale (o
meglio tecnologica trattandosi di installazione di impianti per il distanziamento dei convogli), nè
tantomeno delle tipologie di materiale rotabile (che necessariamente dovrà essere tipo
metropolitana), dei relativi tempi di inizializzazione e del tipo di servizio necessario per ottimizzare
la variabile ferroviaria all’interno del sistema generale di mobilità. I Protocolli d’intesa firmati lo
stanno li a testimoniare. Solo accordi per la realizzazione di infrastrutture.
A questi tre aspetti andrebbe poi aggregato l’ultimo arrivato, il Covid19, la cui pandemia, se da un
lato sta sconvolgendo la situazione socio-economica della città (e del mondo intero), dall’altro
potrebbe essere un’opportunità derivante dall’accelerazione di alcuni nuovi bisogni emersi quali lo
smart-working, l’uso degli spazi chiusi e aperti e la necessità di una mobilità pubblica avanzata e
innovativa.
2. La rigenerazione urbana e la mobilità sostenibile a Roma domani, dopo la pandemia
L’arrivo del Covid19 ha infatti accelerato le tendenze sui nuovi assetti urbani sostenibili focalizzati
in particolare sulle tematiche del riuso degli spazi costruiti e della mobilità, ovvero del nuovo
assetto, che Stefano Boeri definisce “nuova sfida” che le città italiane e non solo dovranno
affrontare nei prossimi anni. E’ la sostenibilità e il ritorno a un’adeguata integrazione con la natura,
ovvero tra artificiale/tecnologia e natura (Carlo Ratti) la grande sfida che ci attende. La pandemia
ha evidenziato una serie di criticità che ora ci costringono, si potrebbe dire “grazie a lei”, a
intervenire con urgenza. Un confronto proprio tra Boeri e Ratti (3) evidenzia bene le prospettive
anche dopo il Covid19. La necessità di riconsiderare gli spazi costruiti e le relazioni tra città grandi,
medie e piccole (fino ai borghi), ovvero all’interno delle stesse metropoli come Roma. Relazioni che
dovrebbero portarci a costituire dei veri e propri “arcipelaghi” (Boeri) per evitare le congestioni
tipiche delle città costituiti anche da quartieri dotati di tutti i servizi di base (sanità, formazione,
cultura) a distanze percorribili a piedi (400-500 metri) in relazione con i centri maggiori dotati di
servizi primari (università, ospedali, teatri, ecc.) raggiungibili con reti infrastrutturali e servizi
pubblici veloci (metropolitane/treni/bus) ed efficaci i cui programmi sono già in essere a Barcellona,
Parigi e anche a Milano). Città che nella loro dimensione media (ovvero grandi quartieri urbani)
abbiano una loro vocazione (Ratti) per essere attrattive specie per affinità delle persone che vi
risiedono (come lo era una volta Ivrea ai tempi di Adriano Olivetti). Non quindi un banale ritorno nei
borghi (specie quelli spersi sulle cime dell’Appennino), ma una “rete di comunità urbane” dove si
integrino natura e artificiale, sostenibilità e intelligenza artificiale con “contratti di reciprocità” tra
Comuni per lo scambio di servizi. Un rammendo – sostiene Renzo Piano in un’intervista durante la
pandemia (4) – tra città e periferie -“che sono le città che lasceremo ai figli, ma per troppo tempo
sono state costruite senza affetto, è il momento che conquistino valori mai avuti e si integrino con il
resto della città” – con la realizzazione di green belt che fermino l’espansione disordinata delle citt
e con una rete di connessioni. “Il rammendo urbano passa necessariamente dal potenziamento della
rete di trasporti, a cominciare da quelli pubblici su rotaia e elettrici. Penso a un sistema capillare con
una rete tramviaria di superficie con fermate ogni 150 metri; una metropolitana con fermate ogni
300-400 metri; una metropolitana extraurbana con fermate ogni chilometro; un treno territoriale
ad alta velocità con fermate ogni 100-150 chilometri.” Una rigenerazione di tutte quelle parti di
città non città, mescolando le funzioni anche con i “luoghi per la gente” (biblioteche, teatri, stazioni,
edifici pubblici, ospedali). Su questo ovviamente inciderà l’avvio della riorganizzazione delle
aziende e della pubblica amministrazione, ma presumibilmente anche delle scuole e delle
università, che comporterà una complessiva e impattante riorganizzazione dei processi produttivi
in particolare in tutte le attività di servizi, mentre nelle attività di logistica e produzione di beni sar
certamente meno impattante. Un processo che avrà tempi probabilmente abbastanza accelerati a
causa anche del Covid19, ma anche dei potenziali risparmi che si avranno per la minore occupazione
di spazi.
Questo non comporterà, come adesso molti paventano, l’unica alternativa di avere relazioni solo
virtuali in video, anche perché molti lavori e quelli in particolare che producono beni continueranno
ancora per molti anni a dover essere prodotti nelle fabbriche, ma porterà a nuovi equilibri
(ovviamente appena finito l’incubo della pandemia), dove si tenderà a selezionare incontri fisici e
incontri virtuali per livelli di importanza e socialità, evitando così anche l’autoreferenzialit
derivante dalle selezioni dovute ai logaritmi applicati dai social che portano a far incontrare solo
persone con le stesse idee e stessi interessi. La piazza e la strada devono rimanere importanti nelle
città anche come luogo di scambio di opinioni diverse e divergenti per mantenere i livelli di
democrazia e dialettica adeguati (Ratti). Le piazze che “devono essere come stanze all’aperto che
accolgono tanta gente, spazi dove succede di tutto, dove le distanze spariscono e le esperienze si
confondono, dove la tolleranza comincia a crescere, dove la diversità da problema diventa valore,
dove le paure svaniscono nello stare insieme” (Piano) Scontato in questi scenari la presenza qualiquantitativa
delle tecnologie moderne e delle reti di connessione adeguate (banda larga, 5G, sensori
IA, droni, ecc.) senza le quali non potrà trovarsi quella nuova integrazione con la natura e per la
sostenibilità integrata oramai fattore imprescindibile per un futuro possibile.
Se riportiamo a Roma le prime previsioni sull’effetto smart working significa tra il 20 e il 30% ovvero
tra 400.000 e 600.000 potrebbero essere i lavoratori che lavoreranno per la maggior parte del loro
tempo a distanza da casa o da altri luoghi che non siano gli uffici occupati sino ad ora corrispondenti
tra i 6 e i 9 milioni di metri quadrati. A questo da aggiungere l’impatto economico, ma anche se non
soprattutto sociale derivante dalla ridistribuzione del commercio con il salto fatto da quello
elettronico rispetto a quello di prossimità.
Quindi maggiori spazi non utilizzati da rigenerare (oltre quelli già abbandonati esistenti), maggiori
spazi d’incontro, servizi di prossimità, mobilità sostenibile di quartiere (pedonale, ciclabili e bus
elettrici) e veloce tra città e quartieri di metropoli (tram, metropolitane, ferrovie metropolitane e
regionali) con molto meno se non più nessun consumo di suolo agricolo e verde.
Nel frattempo, anche durante l’attuale situazione di pre – post – in lockdown alcune interventi
immediati a costi minimali sono comunque possibili e auspicabili quali: potenziamento delle corsie
preferenziali con preferenze per i mezzi pubblici agli incroci; estensione delle ZTL; modifica orari
scuole-uffici pubblici per diminuire le punte di traffico; liberazione delle fermate dalle auto in sosta
così come nelle vicinanze di aree o edifici di parcheggi (Villa Borghese p.e.); forme di gratuità del
servizio a fronte di minori impatti ambientali e sanitari (p.e. combinati con aree di parcheggio presso
stazioni e fermate TPL); tariffe di sosta modulate; sistemi tariffari integrati e di infomobilità; orari
adeguati di carico e scarico delle merci; campagne di educazione civica stradale (5).
3. Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile e lo Schema di Assetto Generale dell’Anello
Verde: dalla pianificazione alla realizzazione, ma forse manca l’integrazione?
Il PUMS approvato nell’agosto del 2019 dal Comune di Roma presenta molti aspetti condivisibili in
una visione di policy per una mobilità sostenibile. Certo alcune scelte possono essere contestate,
altre migliorate, ma nel suo complesso è un Piano che risponde alle strategie definite a livello
europeo e mondiale. Rimangono sospesi o ignorati però alcuni temi che per la sua attuazione
risultano critici se non indispensabili.
3.1.La valorizzazione delle ferrovie, delle stazioni e delle aree di FS.
Come accennato nelle premesse è indispensabile che venga svolta una pianificazione integrata dei
servizi di trasporto collettivo, frutto della capacità di articolare un ragionamento unitario tra ferrovie
urbane e regionali, trasporto su bus extraurbano, trasporto di superficie urbana e servizi metro,
laddove esistenti. Purtroppo anche qui scontiamo una carenza dirigenziale che ha impedito dal
lontano 1992 – pur dopo un avvio più che promettente tra il 1994 e il 2000 – di valorizzare un
patrimonio esistente costituito dalla rete dei binari ferroviari e delle relative stazioni (in alcuni casi
semi abbandonate e in altri anche isolate) presenti nell’area urbanizzata romana. Cosa ancor più
grave a valle dell’innovazione tecnologica derivante dai sistemi di segnalamento che consentono
distanziamenti tra i convogli fino a 3 minuti e che permetterebbero di fatto di realizzare una vera e
propria rete di metropolitane.
Nel passato peraltro da annotare che a Roma:
• dopo un’iniziale forte spinta per la “cura del ferro” dal 1994 al 2000 con la prima giunta Rutelli
con la creazione delle sette linee di FM, della riqualificazione della stazione Termini, e dei due
concorsi (uno di FS e l’altro del Comune di Roma) per la stazione Tiburtina, “cura” figlia del Piano
Direttore predisposto da Ferrovie dello Stato nel 1992, l’attenzione è venuta spegnendosi
ignorando di fatto la potenzialità dell’unica leva che poteva, almeno in parte, condensare il
pulviscolo edilizio creatosi nella città e nell’hinterland (come hanno fatto i francesi con la RER
ed i tedeschi con la S-Bahn) e completando quanto già programmato peraltro tra le fondamenta
del nuovo P.R.G. approvato solo nel 2008, ma concepito alla fine degli anni 90;
• non sono stati considerati adeguatamente quegli interventi che consentissero e facilitassero al
massimo l’interscambio del mezzo di trasporto (basta vedere lo stato di manutenzione e dei
servizi nelle stazioni e fermate di FS);
• non si è investito adeguatamente in parcheggi per auto (specie lungo e a ridosso del GRA);
• non si è lavorato a una adeguata pianificazione degli orari e delle coperture territoriali dei mezzi
pubblici (bus o treni);
• non è stata programmata adeguatamente la distribuzione delle merci nell’ultimo chilometro,
causando impatti ambientali ed economici considerevolmente negativi;
• si è persa l’occasione della nuova stazione Tiburtina dove ancora oggi, dopo nove anni
dall’inaugurazione, la stazione dei bus interurbani è “ridicola” per dimensioni e servizi e non
inclusa nel progetto (prevedere la stazione all’interno della stessa stazione sopra, lateralmente,
avrebbe migliorato l’intermodalità).
Consentire una maggiore offerta di trasporto con il potenziamento delle tecnologie e l’ampliamento
e potenziamento degli interscambi nel settore ferroviario e razionalizzare la specializzazione
funzionale tra bus extraurbani e ferrovie regionali è allora un fattore urgente e dirimente.
Questo obiettivo va accompagnato da una forte politica tariffaria e infrastrutturale tendente a
facilitare al massimo l’uso del trasporto pubblico, condizionato da adeguati interventi per facilitare
la sosta e l’interscambio modale, nonché di sistemi di trasporto alternativi (bicicletta, car sharing
ecc.).
Inoltre può e deve essere programmata anche una rigenerazione urbana più sostenibile. Studi,
infatti, hanno dimostrato come il costo generale di un metro cubo per uffici e attività commerciali
possa arrivare a diminuire intorno al 20% per la comunità se realizzato in prossimità̀ (1 km) di
stazioni di metropolitana o ferrovia urbana, grazie alla minore incidenza di inquinamento e di
incidentalità̀ dovuta alla diminuzione di traffico su gomma causato dalle persone attratte dalle
funzioni (6). Queste misure potrebbero essere incentivate attraverso la concessione di premialit
per gli immobili localizzati presso stazioni e snodi di interscambio di trasporto, ovvero localizzandovi
quei servizi di quartiere che, specie nelle periferie sono insufficienti o mancanti (cinema, teatri,
servizi sanitari, servizi comunali, ecc.), come lo stesso PRG ha in parte previsto.
La quantità̀ di linee ferroviarie, stazioni e fermate che già esistono può̀ dare un contributo essenziale
a questo riassetto tanto più se venissero incrementate specie nelle zone periferiche e dell’area
metropolitana. Oggi siamo di fronte a potenzialità tecnologiche molto elevate e caratterizzate da
interventi diretti a basso impatto economico-finanziario e indiretti a potenziale recupero
complessivo degli investimenti.
Nello specifico gli interventi attivabili riguardano:
a) interventi tecnologici per consentire frequenze di passaggi di treni fino a 3-4 minuti/treno. La
conseguenza di questa innovazione tecnologica ERTMS – peraltro già programmata da RFI e
previsti anche nella bozza di Recovery Plan per Roma, Milano e Napoli – consentirebbe, anche
oltre le previsioni dello stesso PUMS (7), di arrivare a triplicare l’offerta di posti-passeggeri;
b) riqualificazione funzionale delle stazioni/fermate per adeguarle al maggior flusso passeggeri e
all’interscambio modale sia con auto sia con bus (parcheggi) e sia per consentire il trasbordo dei
passeggeri da treno a treno-metropolitano e sia per l’insediamento di servizi di zona;
c) nuove stazioni nelle aree periferiche e extra – urbane per potenziare il flusso dei passeggeri tra
le varie aree delle città e per l’insediamento di servizi di zona;
d) rinnovamento del materiale rotabile per le linee urbane-metropolitane per consentire sia di
raggiungere (peso, velocità e sistemi frenanti) le frequenze massime nelle ore di punta sia di
(conseguentemente) consentire un afflusso/deflusso dei passeggeri adeguato (vagoni a un
piano tipo metropolitana);
e) rigenerazione delle aree dismesse ferroviarie attraverso p.e. accordi diretti di cessione al
Comune di Roma e a quelli dove insistono stazioni e fermate nell’area metropolitana, ma anche
a livello regionale. Si tratterebbe di individuare soluzioni alternative per raggiungere obiettivi
sia aziendali sia pubblici e richiesti dalle politiche europee. In particolare è possibile compensare
i costi di investimento necessari per gli interventi previsti (tecnologie, materiale rotabile e
stazioni/fermate) per la mobilità passeggeri (e eventualmente anche per migliorare quella merci
a livello metropolitano) e contribuire alla riqualificazione e rigenerazione di aree interstiziali nel
tessuto urbano, strategiche sia per la loro centralità, sia per la qualità e quantità dei servizi di
mobilità pubblica e sia infine per il risparmio di consumo di suolo agricolo indirettamente
derivante dal loro utilizzo. E’ ormai tecnicamente accertato infatti che un’adeguata
riqualificazione delle stazioni urbane, sia dal punto di vista trasportistico, sia urbano, genera
notevoli ricadute economiche e sociali dirette e indirette (vedi studio di Steer Davies Gleave per
conto della Network Rail – GB – in Ferpress 10.1.2013)
Le modalità di intervento da analizzare potrebbero anche prevedere interventi di capitali privati
diretti o in project financing pianificati e gestiti dagli stessi Comuni riguardo agli aspetti
urbanistici e di destinazione d’uso delle aree, sopperendo così a interventi diretti pubblici dei
Comuni. Si tratta di analizzare le alternative possibili di generare i flussi finanziari in grado di
garantire da subito gli investimenti per gli interventi previsti e dall’altro di ripagare almeno il
valore patrimoniale iscritto a bilancio. Ad esempio si potranno approfondire modalità specifiche
con la Cassa Depositi e Prestiti che ha già avviato alcuni progetti simili in Italia partendo dalla
garanzia del controllo pubblico e prospettare ai Comuni diverse alternative e modalità di
finanziarizzazione ad hoc.
L’aspetto essenziale e strategico sarà quello di programmare e intervenire, come accennato, con
modalità integrata per consentire all’azione di velocizzazione del passaggio dei treni attraverso
l’installazione delle nuove tecnologie di esplicitare tutta la sua potenzialità attraverso da un lato
l’innovata capacità di trasporto dei nuovi treni (con materiale rotabile tipo le attuali metropolitane
di Roma, Milano, Napoli p.e.), dall’altra la rigenerazione e la nuova realizzazione di stazioni e
fermate per disseminare i punti di interscambio nel territorio locale e regionale.
Da annotare a margine, ma poi non tanto, che la stessa politica di traporti e mobilità è trasferibile a
livello regionale stante le tracce lasciate libere dalla realizzazione delle linee ferroviarie dell’Alta
Velocità. Le connessioni lungo la linea tirrenica sud (Latina, Formia, Gaeta) e nord (Ladispoli,
Civitavecchia, Tarquinia), come quella con Frosinone – Cassino possono essere dotate delle stesse
tecnologie se necessario e, con il nuovo materiale rotabile in arrivo – i treni Rock – programmare
frequenze adeguate ai flussi in entrata e uscita da Roma (oggi circa 400.000 persone/giorno), così
come attrezzare le relative stazioni per filtrare il traffico automobilistico e distribuire quello pubblico
dei bus Cotral. Insomma un sistema urbano-metropolitano-regionale interconnesso, integrato e
intermodale come del resto ne esistono in altre città europee e non.
Fattore imprescindibile per poter avviare questa politica di mobilità sostenibile basata sul trasporto
pubblico e sul potenziamento della mobilità sul ferro è quello di una innovata pianificazione
dell’intervento di F.S. attraverso accordi precisi e definiti. Un Accordo di Programma quindi tra
Comune di Roma (Atac) – Ministero dei Trasporti – FS (Trenitalia-RFI) – Regione Lazio (Cotral) che
nell’identificare e concordare con l’assetto che la rete infrastrutturale, le stazioni/fermate e il
servizio offerto (comprensivo del materiale rotabile), definisca le modalità attuative e gestionali
dell’intesa allo scopo di rendere programmabile e attuabile il servizio offerto ai cittadini. Una cabina
di regia che sovraintenda la gestione della mobilità nell’area metropolitana – e quindi anche
all’interno dell’area urbana romana – e le sue interconnessioni con i territori regionali avendo
ovviamente il potere per farlo.
Nel merito delle scelte del PUMS, la cui Valutazione Ambientale Strategica è alle battute finali con
l’emissione prossima del Parere e alla quale dovrà seguire la revisione dello stesso per
l’approvazione definitiva (quando arriveremo?), da valutare inoltre (ma senza bloccare la
procedura in corso, eventualmente integrandola a valle):
• che ci sono 613 km di linee ferroviarie disponibili al servizio del comprensorio sub-regionale
romano (8) di cui 196 km a livello urbano (oggi 102 km), ovvero all’interno del G.R.A. (dove
ci sono 60,1 km di 3 linee metropolitane)
• La non priorità dell’anello ferroviario (9) che per il Comune invece “rappresenta una vera e
propria svolta per la pianificazione di servizi ferroviari di tipo metropolitano”, anche se poi è
posto tra gli interventi a lungo termine (10 anni), fermo restando il considerevole
investimento di ca 525 milioni di € meglio attribuibili a rendere più frequenti i passaggi e
adeguare il materiale rotabile, del quale invece non c’è traccia.
• 196 fermate a livello comprensoriale di cui 136 a livello urbano – G.R.A. (oggi 97), mentre il
PUMS ne prevede solo 5: Massimina, Selinunte, Statuario, Zama, Pigneto;
• 19 stazioni di interscambio a livello comprensoriale di cui 13 a livello urbano – G.R.A. (oggi 5)
• la collocazione delle così dette “Porte” nel numero di 10, ma a distanze notevoli dalla citt
(Civitavecchia, Fiumicino, Campoleone, Albano, Velletri Frascati, Colleferro, Tivoli, Fara
Sabina, Bracciano) e non anche agli incroci tra linee ferroviarie e GRA per filtrare meglio il
traffico in entrata nel cuore della città e dotare di servizi le aree urbanizzate (F.S. predispose
nel lontano 1995 a tal riguardo un progetto di fattibilità che prevedeva ca 40.000 parcheggi
in 18 Porte).
• La certezza che al momento della possibilità di avere convogli con frequenza fino a 3 minuti,
il materiale rotabile che verrà utilizzato sia conforme e in grado di svolgere adeguatamente
le sue funzioni di trasporto di massa. I convogli Vivalto e i futuri Rock (programmati da FS –
vedi “Impegno del gruppo FS nel Lazio”, 23 aprile 2020) previsti da Trenitalia non lo sono
nè lo saranno (10).
• La potenzialità di utilizzare molte delle stazioni ferroviarie esistenti e previste (oltre a quelle
delle metropolitane e delle altre ferrovie) come luoghi di interscambio intermodale e di
collocazione di servizi di interesse pubblico a forte affluenza (vedi anche a tal proposito lo
Schema Generale di Assetto dell’Anello Verde a seguire)
• La necessità di restaurare le stazioni e fermate esistenti di FS spesso in stato manutentivo
estremamente carente.
• L’attuazione concreta di forme di finanziamento alternativo delineate nello stesso PUMS
Al riguardo del tema utilizzo della rete ferroviaria comprensoriale da notare come sia stato
predisposto da un gruppo di professionisti il progetto Metrovia ( www.metroviaroma.it) che
prevede di convertire e riutilizzare le infrastrutture ferroviarie che attraversano Roma e presenta
una serie di interessanti proposte che andrebbero valutate con maggiore attenzione
dall’Amministrazione Comunale e dalla stessa Regione Lazio. Un sistema integrato di 10 linee: nove
linee di metropolitana a cui si aggiunge una ferrovia urbana circolare, la Circle Line.
A proposito infine della rigenerazione delle aree ferroviarie o comunque viciniori alle stazioni
(ferrovia o metropolitana) la direzione presa con la delibera di giunta n. 143 concernente
l’”Approvazione dello Schema di Assetto Generale dell’Anello Verde, a valere quale atto-strumento
di indirizzo programmatico per la riqualificazione sostenibile dell’anello ferroviario e del settore
orientale del territorio di Roma Capitale” presenta aspetti positivi che finalmente riprendono e
riconoscono alla rete su ferro nel suo complesso (binari, stazioni, aree contermini e piazze
antistanti) un ruolo fondamentale per la città e per un suo futuro sostenibile. Sarebbe auspicabile
considerare in questo anche il servizio offerto connesso, nonchè la relativa programmazione
integrata e condivisa da un lato all’interno della stessa Amministrazione, dall’altro con i protagonisti
(11). L’Anello Verde è stato poi anche oggetto di un Protocollo firmato tra Comune e FS .
3.2.Slow Rome
La prospettiva di avere nel prossimo futuro una gestione della città con una forte delega ai Municipi
si dovrà accompagnare anche a una adeguata organizzazione dei servizi di quartiere e municipio e
a una rete di connessioni consona a facilitare gli spostamenti il più possibile in modalità sostenibili
(l’arcipelago di Boeri). A questo riguardo è per questo fondamentale accelerare al massimo la
realizzazione della rete su ferro cardine sulla quale completare un programma sostenibile, in una
città come Roma dove ci sono tutte le condizioni per farlo. Ma questo significa anche in parallelo di
valorizzare al massimo le reti e le modalità slow e sostenibili per consentire alla popolazione dei vari
Municipi/quartieri e dei comuni dell’area metropolitana (12 spostamenti rapidi e servizi di vicinato
accessibili. Nel centro storico (peraltro sempre più e in quello consolidato, come parimenti nel più
sperduto (per ora) quartiere periferico oltre il GRA, i servizi di mobilità dovranno garantire la
migliore accessibilità con pari livelli. Da questo punto di vista per esempio la rete di ciclabili e di
parcheggi previsti nel PUMS (13) è adeguata anche se non andrebbe pensata, come accennato, per
spostamenti urbani (da Piazza Vescovio all’Eur; da Boccea a San Pietro o all’Alberone), ma su
percorsi fino a 5 chilometri (che costituiscono il 50% degli spostamenti individuali quotidiani
effettuati con l’automobile), oltre a prevedere parcheggi non solo presso i punti Atac e non certo
per sole 3.000 biciclette. Piste dirette a facilitare l’intermodalità specie con le stazioni del ferro
(metropolitane e ferrovie). Percorsi di lunghezza superiore possono veder affiancato all’uso della
bicicletta quello dell’automobile, del treno, della metropolitana, dando vita all’utilizzo combinato di
vettori di diverso tipo, cioè alla cd. intermodalità. Così come andrà quanto prima regolato l’uso dei
monopattini elettrici nonché delle stesse biciclette rispetto al rispetto delle norme del traffico validi
anche per i pedoni peraltro. In tal senso, sull’esempio della città di Parigi, si dovrebbe pensare a
creare delle ampie Zone 30 km/h per creare maggiori situazioni di sicurezza per gli utenti slow.
3.3.I parcheggi dove sono ?
La tematica della sosta è fondamentale per un’adeguata mobilità sostenibile specie in una citt
come Roma, ma purtroppo finora da un lato sono stati di fatto solo realizzati (peraltro in tempi
spesso “infiniti”) i parcheggi per soddisfare le esigenze immobiliari nei quartieri residenziali, mentre
dall’altro poca o nessuna attenzione ai parcheggi di interscambio presso le stazioni metro e
ferroviarie.
Da questo punto di vista è essenziale programmare con urgenza un intervento complessivo di
potenziamento/realizzazione di parcheggi presso le stazioni ferroviarie (metro, ferrovie concesse,
ferrovie) per facilitare l’intermodalità sostenibile.
Ultima in tale contesto la proposta di Tocci nel libro “Roma come se” (2020) per la realizzazione
centri di servizi e di interscambio nelle nove “città” lungo i settanta chilometri del raccordo anulare
all’incrocio tra le linee ferroviarie che entrano e escano da Roma verso le diverse mete. “Piazze” le
definisce o porte come anche le definirono nel 1995 le F.S. quando proposero la realizzazione di 18
porte – nodi di interscambio da realizzare agli incroci tra la ferrovia e il G.R.A. con lo scopo di drenare
il traffico automobilistico privato proveniente ogni mattina dai paesi della provincia e regione con
la realizzazione di 40.000 parcheggi tra raso e multipiano insieme a una serie di servizi utili ai
passeggeri (14).
Porte previste anche dal PUMS che le colloca però solo in una serie di Comuni dell’area
metropolitana (vedi cap. 3.1.) spesso molto lontani dal GRA.
3.4.Risorse e tempi (ma soprattutto gestione)
Le maggiori criticità del PUMS sono rappresentate da tre aspetti essenziali e vitali per qualsiasi
Programma di sviluppo: le risorse per attuarlo, i tempi necessari e le relative priorità e le modalit
gestionali durante e dopo il compimento del programma.
Per quanto riguarda le risorse, sono previsti 12,4 miliardi di € anche se non sono stati inserite le
risorse di FS per l’installazione delle tecnologie sulle linee (oltre quelle già in corso e che dovrebbero
essere operative) e per il nuovo materiale rotabile indispensabile per esercire con frequenze sotto i
7-5 minuti così come parimenti per la sistemazione della rete di tutte le stazioni e fermate per
ottimizzarle per l’intermodalità. Gli unici interventi stimati sono la chiusura dell’anello ferroviario e
le 5 nuove stazioni.
Stime del progetto Metrovia danno una necessità di investimenti di circa 3,5 miliardi di € per il
completamento della “cura del ferro” che andrebbero per circa l’85% sommati ai 12,4 per un totale
quindi di 16,65 miliardi di €.
A questo riguardo un’annotazione è fondamentale e riguarda i costi della “metropolizzazione”
delle linee ferroviarie. E’ lo stesso PUMS infatti che riconosce che dalla rete dei binari di F.S. si
possono ricavare fino a 9 linee di metropolitana (Metrovia arriva a 10). Bene i costi di
investimento necessari costruendole ex novo sarebbero di ca 30 miliardi di € (con un costo di 150
milioni €/km), mentre, utilizzando e ottimizzando la rete di binari esistente (ca 196 km), i costi di
investimento sarebbero principalmente in tecnologie, nuove stazioni/fermate e materiale
rotabile nell’ordine del 10-15%, ovvero ca 3,5 miliardi di €, con tempi di realizzazione complessivi
(peraltro per fasi -linee- operative successive) pari a un massimo di 7-10 anni. Il costo/km stimato
è tra i 25 e i 30 milioni di €/km contro un costo della linea C di 163 M/km e del tram di 20/M/km
(ma in questo caso con una capacità di offerta di tre volte superiore).
Sono numeri che sono già più che significativi sulle potenzialità di sviluppo della mobilità sulla rete
ferrovia di RFI a livello metropolitano e regionale.
Altro tema inerente le risorse è la loro disponibilità reale o comunque programmabile dato
indispensabile per non cadere nella trappola delle promesse e degli annunci che a Roma sono
oramai una triste realtà (basta contare e leggere gli accordi Comune- Regione – Fs dal 1994 a oggi,
molte, troppe opere non realizzate).
12
Quello dei tempi è inoltre un tema fondamentale che, come si evince dalle tabelle allegate, per ora
sono solo programmati per fasi (breve entro 5 anni, medio entro 7 anni e lungo entro 10 anni) e con
data ultimativa il 2030.
Al riguardo da annotare, oltre la infattibilità in mancanza di risorse certe, il mancato inserimento
nelle varie fasi (che dovranno comunque essere precisate a valle della VAS e della relativa
approvazione del PUMS) delle opere e degli investimenti di FS. Difficile esprimersi su questo aspetto,
tanto più dopo 26 anni dal primo accordo Comune -FS. Difficile immaginare come possa attuarsi un
Programma di mobilità per Roma senza considerare tempi e investimenti dell’attore principale o
perlomeno del co-protagonista. Incredibile! Un Piano senza sapere quando, come e quanto investir
il principale interlocutore (tranne ovviamente per il “mitico” anello” che dovrebbe risolvere tutto,
ma è previsto solo tra 10 anni). Come è possibile programmare la rete dei bus Atac se non si
conoscono le frequenze dei treni metropolitani di Trenitalia? Come è possibile utilizzare e
ottimizzare la rete di ferrovie urbane, metropolitane e financo regionali con treni a frequenza
adeguata se non si conosce se e come verranno attrezzate le fermate FS?
13
4. La gestione del quotidiano
Non ci potrà mai essere una mobilità adeguata e rispondente ai desideri e bisogni dei cittadini se,
oltre a programmi e realizzazioni, non ci sia anche una gestione quotidiana adeguata. Troppe le
regole infrante da cittadini disubbidienti, ma anche troppe le lacune del servizio di sorveglianza della
polizia locale ancora forse rispondente a vecchie regole oramai non più attuali e quindi efficaci
rispetto agli obiettivi. L’uso di tecnologie avanzate per il monitoraggio del traffico veicolare e per
sanzionare dovrebbe essere adeguato con normative ad hoc, così come la sorveglianza dei vigili sul
territorio e i relativi strumenti di eventuale difesa.
5. La gestione integrata: risorse, organizzazione, tempi e competenze
Quanto avvenuto nel bene e nel male negli ultimi trent’anni nella gestione della mobilità sta a
testimoniare inequivocabilmente la necessità di avere a disposizione della città (oramai
metropolitana tanto più se parliamo di mobilità e trasporti) di un organismo (esistente o ex novo è
quasi banale rispetto allo scopo) che abbia funzioni, organizzazione e competenze per poter
contribuire alla programmazione e attuarne le decisioni (per esempio sulla falsariga dell’esempio di
Berlino o di Madrid, due città delle dimensioni simili a Roma, con la partecipazione anche degli
operatori del trasporto). La possibilità di avere un cruscotto di monitoraggio dell’andamento degli
investimenti focalizzati nell’area metropolitana a prescindere da chi li fa (comunque tutti organismi
pubblici finora) e essere in grado di correggere la rotta, aggiustare le priorità e i tempi e integrare le
attività , assistere nella ricerca di finanziamenti, senza ledere i ruoli e le funzioni , ma ottimizzando
modalità, tempi e obiettivi di intervento consentirebbe di accelerare significativamente il
programma di mobilità, così come di monitorarne gli effetti per la successiva programmazione.
La storia degli oltre dieci accordi tra Comune e FS degli ultimi trent’anni dimostra come, aldi là delle
firme e dei giornali, servono competenze adeguate manageriali e specialistiche per attuare i
protocolli nei tempi e con le risorse necessarie.
Forse è il caso che gli accordi futuri siano principalmente politici, quindi Comune, Regione, Ministero
dei Trasporti/Economia per poi a valle delegare le società operative a eseguire quanto concordato
e programmato.
A valle di una governance integrata, è indispensabile rivisitare i processi di
condivisione/partecipazione e indirizzo e gestione dal PUMS alla gestione del quotidiano e alla
realizzazione degli interventi.
14
Partecipazione non può solo essere riunioni e incontri tra addetti o a valle di comunicazioni
autoreferenziali, ma promozione di dibattiti pubblici tra non addetti e addetti, tra associazioni di
pendolari e cittadini qualunque, tra professionisti del settore e altri. Con regole certe e tempi
definiti.
Indirizzi, gestione e controllo delle società operative locali (Atac, Cotral, Roma Servizi per la Mobilit
Risorse per Roma S.p.A e Roma Metropolitane S.r.l.- paradossalmente in liquidazione) e nazionali
(FS, RFI, Trenitalia, Mercitalia) basati sull’efficacia del servizio svolto per i cittadini con efficienza
interna. No profit per definizione. Il profitto sarà dei cittadini che possono muoversi rapidamente e
sostenibilmente.
6. Alcune proposte per un recovery plan romano e credibile
L’avvento improvviso della pandemia e l’impatto sociale ed economico a Roma, come in tutta
Europa ha portato l’Unione Europea a predisporre per i 27 Paesi aderenti uno stanziamento
eccezionale per sopperire e curare le ferite impresse con risorse speciali pari in totale a 750 miliardi
di € da reperire sui mercati e di cui una quota parte sarà a fondo perduto e una quale prestito. In
tale ambito le stime per l’Italia parlano di circa 209 miliardi (81,4 miliardi saranno sussidi a fondo
perduto, mentre 127,4 miliardi saranno prestiti). Il Comune di Roma ha definito un primo Piano di
Sviluppo resiliente e sostenibile per Roma Capitale (approvato con Memoria di Giunta n°48 del
28.8.2020). Il Piano propone 159 interventi per un totale di 25,059 miliardi di € di cui ben 75
riguardano la mobilità per un totale di 12,084 miliardi di €, ovvero di fatto (e di nome) tutti gli
interventi del PUMS previsti dal 2018 al 2030. Ora ovviamente tutti i cittadini romani saranno felici
se tutte queste risorse (oltre ovviamente a tutte le altre parti) saranno approvate e dovessero essere
assegnate, ma la criticità che emerge riguarda sia la tempistica sia la gestione degli interventi. Come
sarà possibile regolare i tempi (previsti inizialmente in 10 -12 anni) comprimerli in 6 ? (stante che i
progetti approvati dovranno essere terminati entro il 2026). E ancora come sarà possibile vivere in
una città dove in 6 anni saranno realizzate opere e interventi per 25 miliardi? Come si muoveranno
studenti e lavoratori? E infine chi sarà in grado di gestire l’organizzazione e la gestione di tutti e 159
gli interventi di fatto contemporanei? Ma forse è uno scherzo o un’altra delle infinite promesse fatte
ai romani.
A tal riguardo una stima a oggi credibile sui finanziamenti ricadenti sull’area romana potrebbe
prevedere una somma tra gli 8 e i 10 miliardi di euro.
Al di là di questa “provocazione” ci sono alcuni aspetti che si ritengono importanti e che si
propongono insieme a una serie di interventi come contributo costruttivo secondo gli obiettivi
preannunciati (che si concentrano in particolare sulla valorizzazione del patrimonio esistente della
rete ferroviaria) e tenendo conto della scadenza temporale del 2025 del Recovery Plan e
eventualmente dello stesso Giubileo. In particolare si tratta di:
• Programmare gli interventi in un’ottica metropolitana
• Individuare da subito una formula di governance complessiva, integrata e unitaria per la
programmazione e gestione della mobilità nell’area metropolitana e per l’attuazione degli
interventi previsti;
• Programmare gli interventi con un approccio finanziario integrato sia in termini di fondi
europei sia di fondi nazionali e di apporto di finanziamenti privati. Ovvero progettare
interventi per fasi “chiuse” tale da consentirne l’accesso a finanziamenti da fonti diversificate
pur nella continuità (esempio quelli per linee di metropolitana, attrezzaggio tecnologico,
gruppi di stazioni) in modo da ottimizzare gli interventi finanziabili con i NexT Generation EU.
15
• Eliminare dai programmi finora resi pubblici gli investimenti per l’alta velocità ferroviaria
Roma- Pescara (6,7 miliardi) fatto salva un’adeguata analisi costi-benefici e stante
l’osservazione dei bassi livelli di traffico o/d su tale tratta tali da non giustificare una tale mole
di risorse pubbliche (con la stessa somma potrebbero realizzarsi circa il 40% di tutti gli
interventi previsti nel PUMS comprensivi di quelli di competenza RFI);
• Dare priorità al potenziamento della rete su ferro (metro, ferrovie, tram) e dei parcheggi di
interscambio fuori dal centro consolidato.
• In questo quadro puntare a velocizzare (attraverso in primis l’adeguamento con tecnologie
EMRTS realizzabili in tempi brevi) le linee ferroviarie di collegamento da e per l’area
metropolitana e regionale quali p.e.
§ Orte-Fiumicino;
§ Roma – Viterbo
§ Roma-Castelli
§ Roma – Frosinone
§ Roma Civitavecchia
§ Roma Latina-Gaeta
• Terminare il prolungamento della linea metro C e la riqualificazione della Roma – Lido;
• Attuare gli interventi (previsti nel PUMS) per i tram:
o Verano-Tiburtina;
o Giardinetti-Tor Vergata;
o Togliatti Ponte Mammolo;
o Termini – Piazza Venezia – Risorgimento
• Sempre con tali priorità riqualificare i nodi di interscambio di Ostiense, Tuscolana e
Nomentana – V.Libia (previsti nel PUMS), realizzare 1 -2 porte lungo il GRA e risistemare 30-40
stazioni con intermodalità spinta (parcheggi, bike sharing, ecc.) (15)
• Programmare i primi ordini per il materiale rotabile tipo metropolitana
• Programmare i primi ordini per Bus elettrici
• ………………..
• ……………….
• ……………..
(N.B. : La lista è da emendare e integrare a seguito del confronto e dibattito interno)
Claudio Cipollini – Lorenzo Gallico – 31.12.2020

1 I confronti con le principali città europee lasciano la maggioranza delle città italiane e Roma in particolare sempre tra gli ultimi
posti. Alcuni numeri a tal proposito sono significativi come quello, per iniziare, che vede Roma con 62 veicoli ogni 100 abitanti e un
tasso di utilizzo dei mezzi pubblici del 19% contro un tasso di motorizzazione a Madrid di 32 veicoli e un utilizzo dei mezzi pubblici del
39%, a Berlino di 35 auto e l’uso del trasporto pubblico del 44%, a Londra di 36 auto con il 52,6% di uso del trasporti pubblici ed a
Parigi di 45 auto e un uso del 69,3%. A questo da aggiungere che l’Istat misura in 1,34 milioni i pendolari romani ogni giorno con

spostamenti che nella media nazionale (fonte Censis- Michelin) avviene tra 0 e 50 km. I dati poi raccontano una situazione nota da
troppi anni che vede Roma ultima per dotazioni di metropolitane sia per lunghezza, sia per numero di stazioni e sia per frequenze.
Altrimenti considerando le linee suburbane con frequenze fino a 15 minuti le 5 linee di Roma con una media di 35 km/h e una capienza
massima di 1.200 posti di ogni treno posizionano la città tra le migliori. E’ la somma però delle dotazioni complessive (tram,
metropolitane e ferrovia) che con 296,3 km che non torna ancora se già Milano ne ha 458,9 in un Paese che comunque ha
mediamente la metà delle dotazioni degli altri principali Paesi europei (Germania, Gran Bretagna, Francia e Spagna)
2 PUMS – Rapporto Ambientale – Allegato7 – Piano Economico Finanziario “Tra le azioni che più incidono sul programma attuativo
del PUMS, vi sono sicuramente quelle riferibili all’evoluzione dei servizi ferroviari, ed ai programmi di investimento di RFI.” (pag.14)

3 Festival Green&Blue – Città futura: alla ricerca di una metropoli ecosostenibile. Dialogo con Stefano Boeri e Carlo Ratti- 6 ottobre
2020 (https://video.repubblica.it/green-and-blue/dossier/festival-green-and-blue/citta-futura-alla-ricerca-di-una-metropoliecosostenibile-
dialogo-con-stefano-boeri-e-carlo-ratti/368581/369161)
4 La Lettura n°449- 8 luglio 2020 “Europa città aperta” a cura di Stefano Bucci pp.2-5

5 Suggerimenti tratti anche dal progetto C.A.L.M.A. – Piattaforma della mobilità romana e di area vasta

6 Camera di Commercio di Roma – Asset Camera. “La città che vive. Trasformazioni urbane e mobilità sostenibile” a cura di
Retecamere s.c.r.l.

7 il PUMS prevede infatti, anche in riferimento agli accordi FS-Comune di Roma che : “Upgrade sistema di distanziamento e tecnologie
nel Nodo di Roma: l’intervento riguarda il potenziamento e l’aggiornamento di tutti i principali apparati tecnologici delle stazioni e
delle tratte a maggior traffico del nodo di Roma, con l’obiettivo di incrementarne la capacità e conseguentemente la frequenza dei
servizi ferroviari. Il nuovo attrezzaggio tecnologico, infatti, permette di ridurre il distanziamento tra due treni successivi fino a 3 minuti.
L’upgrade è previsto nelle seguenti 4 fasi:
• Attrezzaggio tecnologico tra Ciampino e Casilina, con attivazione prevista per il 2017-2018 (intervento finanziato);
• Attrezzaggio tecnologico nella tratta Tiburtina-Ostiense, con attivazione prevista per il 2017- 2018 (l’intervento è finanziato);
• Attrezzaggio tecnologico Cesano-Ostiense, in fase di Progettazione Preliminare (l’intervento ancora non finanziato);
• Istituzione del blocco automatico banalizzato nella tratta Monterotondo – Settebagni, con attivazione prevista per il 2016
(l’intervento è finanziato ed in fase di implementazione).” Piano Urbano della Mobilità Sostenibile Documento definitivo di Piano
– Volume 2 – pag.87

8 Sono stati considerati in questa fase – per facilitare i primi calcoli – i territori e i comuni oggi serviti da linee ferroviarie con servizi
regionali tendenzialmente con O/D Roma. A Nord Cerveteri, La Storta, Civita Castellana e Fara Sabina; a Est Guidonia, Albano, Frascati
e Velletri; a Sud Latina e Nettuno; a Ovest Fiumicino aeroporto e paese.
9 E’ un tema sul quale anche W. Tocci ha sempre esplicitato chiaramente qual è la vera funzione della chiusura dell’anello: “Chiunque
voglia sollecitare il completamento del programma ferroviario è portato a dire spontaneamente che si deve “chiudere l’anello”.
Questa espressione contiene un riferimento concreto e una funzione narrativa. Il primo si riferisce all’attuazione di un’opera ferroviaria
nell’arco mancante tra Vigna Clara e l’asse Salario. Essa comporta la realizzazione di due ponti – sul Tevere e sull’Aniene – e un nuovo
tracciato di alcuni chilometri; inoltre richiede la ristrutturazione, già in fase avanzata di attuazione, del tratto in galleria sotto Monte
Mario e dell’attraversamento del parco del Pineto. Si tratta di un’opera necessaria, ma di un certo impegno progettuale e finanziario

(circa 600-700 milioni di euro). L’efficacia di trasporto locale è invece molto bassa rispetto ai costi di realizzazione e soprattutto di
gestione del servizio. Si utilizzerebbe la costosa modalità ferroviaria per una domanda di trasporto pari a quella di un autobus di
periferia. Il numero dei cittadini che si muovono nella direzione tangenziale – da Vigna Clara a Valle Aurelia – è di un ordine di
grandezza dieci volte più basso di quello dei pendolari nella direzione radiale verso la città. A breve termine è meglio spendere i soldi
sui passanti per ottenere un aumento degli utenti. A lungo termine, invece, emergono i vantaggi funzionali della chiusura dell’anello,
poichè i passanti – quando saranno ultimati, in particolare il terzo e il quarto– avranno bisogno di attraversare la città utilizzando
anche l’arco nord e non più solo quello sud come accade attualmente. La realizzazione dell’opera è giustificata da ragioni sistemiche
di pianificazione della rete a lungo termine, ma non dalla domanda attuale degli utenti.”
10 I convogli di cui ci sarà bisogno saranno infatti identici ovvero simili a quelli attuali della Metropolitana (pavimento e corridoio
continuo; entrata/uscita a raso; 4 porte per vagone. Gli attuali Hitachi Vivalto sono a due piani, hanno 2 porte a vagone
e un’accelerazione e decelerazione non adeguata alle fermate continue e vicine tipiche dei tratti urbani. Il Rock, pur avendo
prestazioni migliori, è tuttavia simile al Vivalto oltre a problemi di capienza e lunghezza (per alcune fermate).

11 La Delibera ha approvato lo Schema e ha dato mandato al Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica (ma non anche
al Dipartimento Mobilità e Trasporti?) in sintesi di “dare avvio alle necessarie attività di ripianificazione degli ambiti urbani di
riferimento:
1. consolidamento della vocazione direzionale del POLO EST come elemento strategico di livello nazionale attraverso
l’aggiornamento del Piano di assetto della Stazione Tiburtina con una revisione complessiva, …………;
2. rafforzamento del ruolo urbano dell’Anello Ferroviario e sviluppo dei principi del Programma di Assetto Generale approvato e
degli altri strumenti esecutivi riferiti allo sviluppo dei nodi ferroviari adeguandoli alle rinnovate previsioni dello Schema di Assetto
Generale dell’Anello Verde ed alle trasformazioni in corso;
3. valorizzazione e riqualificazione delle grandi piazze di stazione come luoghi di scambio tra spazio urbano e delle infrastrutture
ed all’individuato sistema ambientale (Cinquecento, Piazzale Ovest Tiburtina, Ostiense, Trastevere) preferibilmente attraverso
procedure concorsuali di progettazione;
4. rigenerazione dei contesti locali coinvolti ………………, in un processo di sviluppo della qualità urbana orientato alla tutela e la
fruibilità del sistema storico ed ambientale, …………..
5. individuazione di una rete integrata di trasporto pubblico su ferro e mobilità dolce che, a partire dalla attuazione degli indirizzi
contenuti nel protocollo di intesa tra Roma capitale e RFI per il rafforzamento del sistema e la creazione di nuove stazioni, si
strutturi nel dettaglio ascoltando i cittadini …………….;
6. rimodulazione delle previsioni edificatorie attraverso strategie di rilocalizzazione di diritti edificatori già acquisiti, al fine di
consolidare le vocazioni dei diversi ambiti e densificare maggiormente i poli già infrastrutturati e serviti dal trasporto pubblico
su ferro, privilegiando l’attuazione del PUMS e l’uso intensivo del trasporto pubblico locale;
7. riconoscimento e consolidamento di una rete di connessioni a valenza ambientale tra i “nodi” di collegamento con i parchi
esistenti , gli spazi aperti, i vuoti urbani e il sistema del verde locale, per la creazione di un sistema che garantisca la continuit
ambientale e paesaggistica ………………..
12 Negli ultimi cinquant’anni circa a fronte di un incremento della popolazione del Comune di Roma di 92 mila unità (da 2,78 a 2,87)
, l’area metropolitana ha avuto 863 mila residenti in più (da 3,49 a 4,35), mentre nel centro storico (I° Municipio) è passata da 195.000
a 180.000 dal 2007 al 2017.
13 Per quanto riguarda le scelte effettuate, va considerato che l’uso della bicicletta a Roma è ancora basso rispetto ad altre metropoli
europee, tale scarso livello è, come noto, dovuto alle caratteristiche del territorio romano, estremamente vasto ed alle condizioni di
congestione che rendono l’uso della bicicletta, poco sicuro (PUMS VOL. 2 Pag. 68)

Le attività svolte (studi di inquadramento, analisi multicriteria, studi di fattibilità, progettazione preliminare), hanno condotto alla
definizione dei seguenti interventi:
• 2 HUB, localizzati in nodi anche ferroviari di maggior interesse
• 10 Mini HUB/Bike Parking (con colonnina ricarica e/o stalli car-sharing)
• circa 50 Mini – Bike Parking

Il numero complessivo di nuovi parcheggi per biciclette realizzabili attraverso gli interventi definiti è di circa 3.000 posti bici di cui circa
5-700 ad alto standard qualitativo con strutture di pregio adeguate ad un inserimento paesaggistico nei luoghi più sensibili di Roma,
mentre gli altri parcheggi saranno realizzati con standard base garantendo comunque protezione delle biciclette e con tecnologie per
l’accesso ed il monitoraggio. Le localizzazioni sono state prevalentemente individuate all’interno (o in adiacenza) di strutture esistenti
nei nodi di scambio e nelle stazioni del trasporto pubblico gestite da ATAC.

14 Il citare progetti ideati decenni orsono ha il solo scopo di testimoniare di come Roma e i romani abbiano pagato fortemente lo
scontro politico e degli interessi del cosi detto “regime dell’Urbe” (d’Albergo, De Leo – 2018) che non considerando il benessere dei
cittadini ha spesso solo risposto a interessi ideologici e/o economici di parte
15 F.S. nel programma per il LAZIO presentato nell’aprile del 2020 ha previsto di riqualificare 88 stazioni (Albano Laziale, Anagni-
Fiuggi Anguillara, Anzio, Colonia, Aprilia, Cesano, Ciampino, Cisterna di Latina, Colle Mattia, Colleferro, Fara Sabina, Ferentino-
Supino, Fidene,Velletri, Villa Claudia, Tivoli,Tor Vergata, Roma Aurelia, Valmontone, Viterbo P.F., Priverno-Fossanova, Roma S.
Pietro, Civitavecchia, Latina, Santa Marinella, Guidonia, M.,S.Angelo, Ipogeo degli Ottavi, La Giustiniana, La Storta, Ladispoli-
Cerveteri, Lanuvio, S. Filippo Neri, S. Maria delle Mole, Santa Marinella, Settebagni,, Sezze Romano, Tarquinia, Frosinone,Cassino,
Orte, Monterotondo, Bagni di Tivoli, Bracciano, ,Campo di Carne, Quattro Venti, Roccasecca,Roma Balduina, Roma Tuscolana, Ponte
Galeria,Campoleone,Cassino,Ceccano,Cecchina,Lunghezza,Maccarese,Magliana,Manziana,Marina di Cerveteri, Marino, Monte
Mario,Latina, Lido di Lavinio,Viterbo, P.R.Zagarolo,Appiano-Proba, Petronia, Monte S.Biagio-Terracina mare,
Monterotondo,Nettuno,Nuovo Salario,Olgiata,Oriolo,Ottavia,Padiglione,Pavona,Piana Bella di Montelibretti, Poggio Mirteto,
Torre in Pietra-Palidoro, Pomezia-S.Palomba, Roma Ostiense)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>